|  

mercoledì 31 ottobre 2012

Scoperto che fare esercizio fisico a stomaco vuoto aiuta a dimagrire più velocemente.


Un recente studio condotto dal dottor Jason M. R. Gill e Nor M. F. Farah, due ricercatori dell'Istituto Universitario di Scienze Mediche e Cardiovascolari dell'Università di Glasgow, per valutare gli effetti sul grasso corporeo e sul metabolismo postprandiale dell'esercizio praticato prima o dopo l'assunzione di cibo, ha fatto sapere che per dimagrire basta fare esercizio fisico a stomaco vuoto. In pratica lo studio è stato pubblicato sul British Journal of Nutrition, ed i primi risultati hanno mostrato che fare esercizio fisico a digiuno sia l'opzione migliore quando si vuole perdere peso, bruciare più grasso e mantenere più sane le arterie. Durante il suddetto studio sono stati presi in esame 10 pazienti sovrappeso, sedentari e con un'età media di 28 anni. Ed in sostanza quello che hanno scoperto i ricercatori è che se l'esercizio fisico fa bene alla salute, quando praticato a digiuno fa ancora meglio. Infatti l'effetto migliore sarebbe dato dalla necessità del corpo di utilizzare l'energia per l'esercizio prelevandola direttamente dai depositi di grasso corporeo, anziché prendere quella derivante dal pasto appena consumato. Inoltre i partecipanti sono stati sottoposti a vari test per valutare l'impatto dell'esercizio a digiuno oppure dopo aver mangiato. Nel primo esperimento i volontari hanno consumato la colazione senza poi fare alcun esercizio; nel secondo esperimento i pazienti hanno fatto una passeggiata un'ora prima di colazione ed, infine, nel terzo esperimento i partecipanti hanno fatto una passeggiata di un'ora dopo aver consumato la colazione. In linea generale, come è giusto che sia, chi aveva praticato l'esercizio fisico mostrava di aver bruciato più grassi di chi se n'era rimasto seduto. Tuttavia la differenza significativa si è mostrata in coloro che hanno svolto esercizio prima della colazione; difatti in questo caso i pazienti hanno utilizzato il 33% di grasso in più rispetto a coloro che hanno fatto esercizio dopo la colazione. Al riguardo il dottor Jason Gill ha spiegato: "Quando parliamo di perdere peso, in realtà s'intende la perdita di grasso". Per di più coloro che hanno passeggiato prima della colazione mostravano un calo dei livelli di grassi nel sangue. Livelli che, nel caso fossero troppo alti, aumenterebbero il rischio di riscontrare malattie cardiovascolari. Comunque, basandosi sui risultati del loro studio, i ricercatori hanno concluso che l'attività fisica a digiuno sia l'ideale nel caso in cui si voglia perdere grasso corporeo e mantenere sane le arterie, tenuto anche conto che è possibile aumentare l'attività fisica, non limitandosi ad una semplice passeggiata, come quella utilizzata nello studio. Oltretutto sebbene si ritenga siano necessari ulteriori studi per valutare gli effetti sul lungo termine, il dottor Jason Gill ha concluso dichiarando: "L'organismo umano ha sufficienti riserve di energia per praticare da un'ora e mezza a due ore di esercizio fisico anche a stomaco vuoto; ragion per cui se si vuole perdere maggiore peso, è possibile praticare un esercizio fisico più intenso".


martedì 30 ottobre 2012

Jimmy Page annuncia un progetto di "rimasterizzazione" degli album in studio dei Led Zeppelin.


Dopo il gran successo riscosso da Celebration Day, il film-documentario che racconta le oltre 2 ore di concerto tenutosi il 10 dicembre del 2007 alla O2 Arena di Londra davanti a 18.000 spettatori in occasione della reunion dei Led Zeppelin, proiettato nei cinema di oltre 40 Paesi lo scorso 17 Ottobre, (che tra l'altro è stato riproposto ieri a grande richiesta), e che soltanto in Italia, (dove è stato visto da 48.000 spettatori, risultando il film più visto dell giornata), ha incassato 560.000 euro, il frontman e chitarrista della band inglese degli anni '70, Jimmy Page, ha fatto sapere di aver in progetto di "rimasterizzazione" che comprenderà tutti gli album in studio rilasciati dai Led Zeppelin durante il loro periodo di attività. In pratica un primo assaggio si era già avuto nel 1990, quando lo stesso Jimmy Page insieme all'ingegnere del suono George Marino riportarono a lucido i master della band, scegliendo personalmente alcuni dei brani più amati, (come Stairway to Heaven, Black Dog, Rock and Roll, Good Times, Bad Times, e molte altri), e presentandoli nella storica raccolta "Remasters". Comunque adesso Jimmy Page ha intenzione di rimettere mano all'intera discografia della band per presentarla in un nuovo e smagliante formato audio. In sostanza è stato il manager personale di Jimmy Page a confermare che il chitarrista dei Led Zeppelin è già al lavoro nella grandiosa operazione di "rimasterizzazione". Infatti l'intenzione è proprio quella di riproporre tutti i nove album in studio del gruppo, (dall'omonimo "Led Zeppelin" del 1969 fino a quello del 1982, "Coda"), in formato speciale e con nuove copertine, (che saranno disegnate da Shepard Fairey), i quali saranno contenuti in dei cofanetti ricchi di bonus e rarità che si aggiungeranno alle tracce originali riportate al massimo dello splendore audio. E dunque a quanto pare il chitarrista deve averci preso gusto; infatti dopo aver curato l'edizione in vinile della colonna sonora di Lucifer Rising, (sua collaborazione con il regista Kenneth Anger rimasta nel cassetto per circa quarant'anni), Jimmy Page è tornato di nuovo al lavoro per curare delle nuove riedizioni. In ogni caso, come anticipato prima, i lavori rimasterizzati saranno sotto forma di cofanetti, (uno per ognuno dei nove album), ed accompagnati da materiale inedito mai pubblicato fino a ora, la cui uscita è prevista per il 2013.


lunedì 29 ottobre 2012

Dopo sei anni Silent Hill ritorna al cinema in 3D.


Tra qualche giorno, per la precisione a partire dal 31 Ottobre, in tutte le sale cinematografiche italiane verrà proiettato Silent Hill: Revelation 3D, vale a dire il sequel di Silent Hill, (film del 2006 diretto da Christophe Gans e tratto dall'omonima serie di videogames survival horror prodotti e sviluppati da Konami. La storia di questo film, seppure in parte diversa, trae essenzialmente origine da quella del primo capitolo della serie, ma comunque presenta molti elementi tratti dal gioco, soprattutto i mostri, tratti da Silent Hill 2; le ambientazioni, tratte da Silent Hill; e la colonna sonora, composta da molti brani tratti dai vari episodi). Comunque questo nuovo film è stato scritto e diretto da Michael J. Bassett, prodotto da Don Carmody e Samuel Hadida, (già produttori di alcuni dei film tratti dalla serie Resident Evil, i quali hanno avuto molto successo), e si ispira a Silent Hill 3, terzo capitolo della suddetta serie. In pratica le prime voci relative a Silent Hill: Revelation 3D sono cominciate nel 2010, quando i produttori, visti gli incassi abbastanza alti del primo film, avevano puntato su un sequel, la cui regia venne assegnata a Michael J. Basset, (che però non è il regista del primo film), al quale successivamente è stato assegnato anche il ruolo di sceneggiatore, puntando tutta la direzione su di lui. Inoltre le riprese del film in questione sono state effettuate a partire da Marzo 2011 ed sono terminate ad Agosto; durante le riprese sono stati allestiti molte zone presenti anche nel terzo capitolo della serie di videogiochi come ad esempio, il lunapark che è stato allestito a Cherry Beach. Per di più lo stesso Michael J. Bassett si è impegnato per cercare le cose positive che più rappresentano la saga, come le ambientazioni e i mostri. Oltretutto, secondo alcune fonti, prima di scrivere la sceneggiatura di Silent Hill: Revelation 3D, il regista si è messo a giocare più e più volte ai primi giochi della serie per riuscire a capire le atmosfere da portare in questo film e tutto il resto. Dopo aver fatto questo, ha scritto una sceneggiatura attenendosi molto alle sensazioni che fanno provare i primi capitoli della saga, ed ha cercato di mettere in piedi il miglior progetto per i fan della saga. Inoltre nel film ritornerà Pyramid Head, vale a dire il boia di Silent Hill, che nella serie di videogames rappresenta il più famoso Boss. Per l'occasione è stato costruito un costume dettagliatissimo e ben curato da un charter designer e presentato in anteprima su YouTube; in sostanza c'è Roberto Campanella, ballerino e coreografo italiano, che lo interpreta entrando nel costume ed il tutto è stato poi migliorato e ritoccato con la computer grafica. In ogni caso Silent Hill: Revelation 3D racconta la storia di Heather Mason, (interpretata da Adelaide Clemens, che reciterà anche nel ruolo di Alessa), ovvero una ragazza che da tempo ha degli spaventosi incubi legati alla cittadina Silent Hill. Quindi alla vigilia del suo diciottesimo compleanno, si dirige nella città per investigare sulla scomparsa del padre e sul motivo dei suoi incubi. Ma, una volta arrivata a Silent Hill, Heather scoprirà di non essere chi pensava e vivrà una terribile avventura che la minaccerà di non farla più tornare a casa trattenendola nelle buie e nebbiose strade della demoniaca città. Comunque, infine, nel film ci saranno: Kit Harington, nel ruolo di Vincent; Radha Mitchell, nel ruolo di Rose Da Silva; Sean Bean, nel ruolo di Christopher Da Silva e di Harry Mason; Deborah Kara Unger, nel ruolo di Dahlia Gillespie; Carrie-Anne Moss, nel ruolo di Claudia Wolf; Malcolm McDowell, nel ruolo di Leonard Wolf; Martin Donovan, nel ruolo di Douglas Cartland; ed Erin Pitt, nel ruolo di Sharon e di una giovane Alessa.

Di seguito il trailer ufficiale di Silent Hill: Revelation 3D:



domenica 28 ottobre 2012

Secondo alcune immagini, Grand Theft Auto V dovrebbe uscire nella primvera 2013.


A quanto pare il prossimo capitolo di Grand Theft Auto, (spesso abbreviato con la sigla GTA), vale a dire una delle più famose serie di videogames multipiattaforma realizzata da Sam Houser e distribuita dall'altrettanto famosa casa editrice Rockstar Games, potrebbe uscire la prossima primavera. A renderlo noto sono state alcune immagini pubblicate sul sito polacco GTA-Five relative ai primi cartelloni pubblicitari per la prenotazione del gioco, che Rockstar dovrebbe distribuire a breve nei negozi. In pratica le suddette immagini comprenderebbero alcune stampe comprensive del primo artwork diffuso ufficialmente da Rockstar negli scorsi giorni, ovvero un nuovo artwork intitolato "Pest Control", (in italiano: "Disinfestazione"), raffigurante un uomo armato di mazza da baseball con al guinzaglio un Rottweiler oltre al logo del gioco e la data riportata indica un generico "primavera 2013", con i loghi di Xbox 360 e PlayStation 3. Mentre mancano le icone riguardanti le versioni per PC e Wii U, il che farebbe pensare ad un'uscita posticipata, se non addirittura ad una pubblicazione limitata alle console Microsoft e Sony. Comunque sia questo sarà l'undicesimo capitolo della serie, sarà intitolato Grand Theft Auto V ed attualmente è in fase di sviluppo presso Rockstar North. Inoltre circa un anno fa, per la precisione il 2 Novembre 2011, la casa editrice sul proprio sito ufficiale ha rilasciato un trailer dal quale è stato possibile apprendere che il gioco sarà ambientato a Los Santos, ovvero la versione romanzata di Los Angeles e dei dintorni della California, tra cui Hollywood, (soprannominata nella serie "Vinewood"), le colline e le valli rurali. Altre caratteristiche rivelate nel trailer sono state il golf, gli aerei, le moto d'acqua, gli animali, una palestra e la polizia, facendolo apparire come il successore spirituale di Grand Theft Auto: San Andreas. Oltretutto di recente, vale a dire il 12 Luglio scorso, la Rockstar Games dopo un lungo silenzio durato 8 mesi precisi, ha deciso di rilasciare due nuovi screenshot riguradanti Grand Theft Auto V. Mentre il 20 Luglio scorso il project manager Tim Endres ha fatto sapere che il nuovo capitolo non sarà presente al Gamescom, dichiarando: "Rockstar Games non è registrata e non è mai stata mai presente alla Gamescom 2012, ci scusiamo per la confusione". Per di più lo scorso 31 Luglio si è tenuta la conferenza della Take Two Interactive Software, durante la quale è stato ribadito che GTA V è ancora in pieno sviluppo e che si sono riscontrati sostanziali progressi. Difatti lo scorso 20 Agosto la casa editrice ha rilasciato tre nuove immagini sul sito ufficiale che ritraggono il ritorno dell'Hydra, (ovvero il jet militare utile per spostarsi velocemente), le biciclette e le auto sportive. Successivamente il 22 Agosto scorso la Rockstar ha pubblicato altre tre immagini che ritraggono delle moto, un campo da tennis ed un paracadutista. Mentre lo scorso 24 Agosto ha rilasciato altri 4 screenshots dedicati al business che, molto probabilmente, mostrano alcune missioni del gioco ed un probabile protagonista. In ogni caso qualche settimana fa Andy McNamara, capo redattore della rivista americana Game Informer, attraverso il proprio account Twitter ha svelato in via ufficiale che GTA V sarà protagonista della copertina di dicembre della rivista. Tuttavia il tutto rimane una semplice voce di corridoio, almeno fino ai prossimi dettagli ufficiali che saranno diffusi, appunto, il prossimo 8 Novembre con le 18 pagine di speciale sulla rivista Game Informer.

Di seguito le immagini pubblicate sul sito GTA-Five
...ed il trailer ufficiale rilasciato circa un anno fa dalla Rockstar:



sabato 27 ottobre 2012

METALLICA: In arrivo un nuovo libro sulla loro biografia.


In questi giorni è stata comunicata l'uscita di un nuovo libro dedicato ai Metallica, (una delle più grandi ed influenti band della storia dell'heavy metal, tanto criticata da un lato quanto amata ed apprezzata dall'altro che domani compirà 31 anni). In pratica si tratta di un libro intitolato "Seek & Destroy - L'epopea dei Metallica", pubblicato dalla casa editrice Odoya e scritto da Giorgio Costa, (un insegnante di lingue e cultura italiana in diversi istituti, università, scuole elementari ed ambasciate, nonché batterista, amante del metal e del rock and roll ed appassionato dei Metallica da sempre, il quale da circa quindici anni calca i palchi più underground ed improbabili d'Italia e non solo), che, come i precedenti libri, (ovvero: "Justice For All - La Verità Sui Metallica", scritto da Joel Mclver; ed il recentissimo "Enter Night - La Storia Dei Metallica", scritto dal giornalista Mick Wall), mira a raccontare al meglio la biografia degli intramontabili Metallica. Al riguardo lo stesso Giorgio Costa attraverso un comunicato stampa ha spiegato: «Un inno alla band, scritto da un fan appassionato. Con apparati relativi alla discografia, alle biografie dei componenti della band ed altro materiale utile al fan come all'addetto ai lavori. Si è scritta la Storia non una ma due volte, si è suonato per tre decenni e si sono venduti milioni e milioni di dischi, una decorosa routine fra alti e bassi, benché con arene e stadi sempre affollati di head-bangers e non solo – è comunque privilegio di pochi. Nessuno stupore, insomma, che di loro si continui a parlare e scrivere». Inoltre nel libro in questione è contenuta una premessa scritta da Federico Guglielmi, noto giornalista, scrittore, critico musicale ed anche produttore discografico, il quale scrive: «Ogni volta che un disco dei Metallica sta per uscire iniziano i dibattiti. Ci si accapiglia. Si freme. Cosa faranno questa volta? Da più di 30 anni i Metallica sono una costante che ha accompagnato più di una generazione. Hanno esaltato milioni di fan. Hanno tradito. Sono fuggiti. Si sono sottratti. Sono tornati. "Seek & Destroy - L'epopea dei Metallica" rappresenta una sorta di romanzo collettivo dove una molteplicità di personaggi grandi e piccoli si affollano intorno ai "Four Horsemen". In questa vicenda epica si assiste alla nascita ed alla distruzione della cultura underground californiana. All'ultimo periodo di fasto delle major. Alla crisi del disco. All'incredibile rappresentazione della crisi di mezza età di Some Kind of Monster. Al trionfo definitivo di Death Magnetic. Alla museificazione della Rock and Roll Hall of Fame. I Metallica probabilmente rappresentano l'unico esito possibile, per quanto paradossale, della figura della rock star. Sono gli ultimi rappresentanti di una generazione di eroi che appartengono di diritto alla mitologia del ventesimo secolo. Sono riusciti a sopravvivere al difficilissimo passaggio tra due mondi completamente differenti e, forse per questo motivo, la generazione a cavallo dei due millenni li ha custoditi e branditi come una sorta di feticcio. L'ultimo in un deserto di miti». Ma tuttavia questa non è l'unica novità relativa ai Metallica; infatti qualche giorno fa, tramite un post sul loro sito, i "Four Horesemen" hanno fatto sapere che il prossimo 10 Dicembre uscirà un nuovo DVD e Blue-Ray, intitolato "Quebéc Magnetic" che racconterà i live che la band tenne, appunto, a Quebéc City il 31 Ottobre e l'1 Novembre del 2009; il tutto ripreso sotto la guida del regista Wayne Isham. Mentre ancor più recente è la notizia relativa alla composizione di un nuovo album, che, come ha spiegato il chitarrista Kirk Hammett al magazine Loudwire, dovrebbe iniziare nel giro di qualche mese, vale a dire dopo la fine delle riprese del nuovo film in 3D che racconterà il concerto live che la band ha tenuto a Vancouver lo scorso 27 Agosto. In ogni caso la casa editrice Odoya ha deciso di attivare un blog dedicato alla pubblicazione, e che raccoglie materiali relativi ai "Four Horesemen", visitabile al link: http://metallicaodoya.tumblr.com.


Di seguito la copertina del libro "Seek & Destroy - L'epopea dei Metallica":



venerdì 26 ottobre 2012

Continua lo sciopero della fame dei malati di SLA contro la scarsa attenzione delle istituzioni.


In questi giorni più di 70 pazienti, tutti in condizioni gravi e gravissime, tracheotomizzati ed allettati, hanno deciso di ridurre progressivamente la loro alimentazione ed iniziare un vero e proprio sciopero della fame in modo da attirare l'attenzione sulla loro condizione per chiedere il diritto ad una vita decorosa. Già, perché quando si convive con patologie neurodegenerative progressive, come SLA, (acronimo di Sclerosi Laterale Amiotrofica), distrofia muscolare e sclerosi multipla, serve assistenza ad ogni ora del giorno. In pratica i suddetti pazienti, nonostante la distanza e le difficoltà, (infatti c'è chi vive a Roma, chi a Torino, chi a Cagliari), sono riusciti a formare il Comitato 16 Novembre. Fra le priorità di quest'associazione, c'è quella di realizzare al più presto possibile un Piano nazionale per la non autosufficienza. Al riguardo Laura Flamini, una dei pazienti affetti da SLA e presidente del Comitato 16 Novembre, ha spiegato: "Il governo ha destinato parte dei 658 milioni della legge sulla Spending Review alla non autosufficienza, ma ancora non c'è un piano per la destinazione delle risorse. Ora chiediamo che i tre ministeri Finanze-Welfare-Sanità ci incontrino per discutere di un piano organico e strutturale per l'assistenza ai non autosufficienti. Fra le nostre richieste c'è anche la disponibilità di una parte non definita dei 650 milioni del fondo destinato ai disabili gravi per assistenza domiciliare". Mentre Paolo Di Modica, un altro paziente malato di SLA, ha dichiarato: "Quello che praticamente chiediamo al governo è il ripristino del fondo non-autosufficienti azzerato dal Governo Berlusconi, lo stesso governo che voleva imporre la "vita a tutti i costi" rifiutando le indicazioni ultime sul fine vita, come, ad esempio, Piergiorgio Welby ed Eluana Englaro. Con questo taglio ai fondi non si capisce come dovremmo fare". Ed ha poi aggiunto: "I malati hanno bisogno di assistenza 24 ore su 24. Servono fondi per badanti e professionisti sanitari. Cosa fare senza finanziamenti? I parenti dei malati sono costretti a lasciare il lavoro come ha fatto mia moglie. Era insegnante, ma ha lasciato tutto ed ora mi segue giorno e notte. Abbandonando l'attività professionale le famiglie si trovano di fronte ad una doppia difficoltà economica. E c'è di più. Un anno e mezzo fa il governo aveva assegnato 100 milioni di euro per i 5.000 malati di SLA residenti in Italia. Furono stanziati e le Regioni avrebbero dovuto erogare il contributo alle famiglie. In molte regioni sono arrivati, ma nel Lazio no. Noi non abbiamo visto nulla". In sostanza la protesta è iniziata Domenica scorsa, e per il momento i malati non hanno ricevuto alcuna risposta dalle istituzioni. Ma nonostante ciò, le adesioni continuano ad aumentare; difatti inizialmente erano circa una quarantina a scioperare, mentre adesso sono quasi raddoppiati. Comunque sia il Comitato 16 Novembre ha studiato diverse soluzioni per affrontare l'emergenza; infatti in tal proposito Laura Flamini ha proseguito dichiarando: "Abbiamo presentato un progetto organico, a costo zero, muove 1.650 milioni, crea 90.000 posti di lavoro: aspettiamo una risposta ed una convocazione". E dunque pur di ricevere una risposta, i malati sono intenzionati a continuare la loro protesta, ed anche se stanno mettendo a rischio le loro precarie condizioni di salute, hanno deciso di tenere duro, poiché per loro non è stato facile all'inizio costituire il Comitato 16 Novembre, considerando che la comunicazione è un'impresa ardua per chi è affetto di patologie neurodegenerative progressive, come, appunto, la SLA. Ma comunque attraverso l'utilizzo di una particolare telecamera in grado registrare i messaggi attraverso il movimento degli occhi, il tutto viene registrato dal computer che permette loro di tenere i contatti con gli altri pazienti dell'associazione. Tuttavia Paolo Di Modica, (che da ora manda appelli via e-mail per diffondere la protesta in Rete), ha affermato: "Oggi sto molto male, spero di farcela". Mentre, infine, Salvatore Usala, segretario del Comitato 16 Novembre, ha spiegato: "Da domenica assumo solo liquidi, non più di 400 calorie al giorno. Se entro qualche giorno non avremo risposta, dovremo essere ricoverati tutti in ospedale".


giovedì 25 ottobre 2012

Microsoft presenta il suo nuovo Windows 8, che sarà disponibile negli USA a partire da domani.


Quella che Microsoft ha presentato oggi a New York è una revisione radicale del suo sistema operativo Windows. A prendersi carico di quest'importante onere è stato l'amministratore delegato dell'azienda, Steve Ballmer, il quale è salito sul palco del Pier 57 per dimostrare che il più grande produttore al mondo di software è ancora capace di plasmare il futuro dei computer. Già, perché, secondo molti critici del settore: "Microsoft non sembra più il colosso onnipresente di una volta: il suo ruolo sta diventando meno rilevante in un'epoca di smartphone, tablet e dispositivi mobili. E la concorrenza di Apple, Google ed Amazon sta disegnando nuovi scenari nell'informatica e nella tecnologia". Comunque sia Windows 8 è stato progettato per funzionare sia su PC che su tablet, ed, inoltre, segna uno spostamento di priorità; infatti l'interfaccia è stata pensata principalmente per il touch screen, ma tuttavia può essere usata anche con mouse e tastiera. Oltretutto, secondo quanto spiegato da Steve Ballmer, il nuovo sistema operativo dovrebbe garantire la stessa esperienza d'uso su tutti i tipi di schermi: monitor classici, smartphone, tablet, ma anche televisori di utima generazione, (difatti la nuova grafica è stata adottata già da tempo sulla Xbox). Al riguardo Giorgio Sardo, il Senior Technical Evangelist di Microsoft, ha spiegato: "Il software è in grado di capire da solo se una determinata applicazione si può usare con la tastiera, la penna oppure le dita. L'esperienza è unica, sia per l'utente sia per lo sviluppatore, che non deve preoccuparsi di dove e come sarà usato il suo programma". In sostanza, sotto l'aspetto grafico, scompare il famoso tasto "Start", (che sarà sostituito dalla schermata "Start"), ma anche il desktop con le cartelle ed i file vengono nascosti, come succede su tablet e smartphone con sistema operativo iOS e Android. Tuttavia il desktop non è stato del tutto eliminato, ma alquanto ridimensionato, ed è entrato a far parte di una delle due modalità di utilizzo; difatti sui computer fissi sarà possibile passare dal nuovo ambiente a uno più tradizionale, che prende il meglio del precedente Windows 7 e ne rifinisce ancor di più qualche particolare. In quest'ultimo sarà possibile installare programmi di ogni tipo, scaricandoli direttamente dalle Rete oppure tramite un comune lettore ottico e/o una pen drive. Mentre per la nuova interfaccia basata sulla Live Tile, (vale a dire delle mattonelle animante che funzionano grazie alla tecnologia touch), sarà soltanto possibile installare software attraverso lo store online, dove sarà la stessa Microsoft a controllare che le varie applicazioni siano prive di bug ed esenti da virus. Comunque anche in questo il modello preso come esempio è simile a quello del famoso App Store, che la Apple ha già esteso al sistema operativo per i suoi Mac, ed all'Ubuntu Software Center. In ogni caso Silvia Candiani, Direttore Marketing and Operations di Microsoft Italia, ha dichiarato: "Con il lancio di Windows 8, Microsoft presenta al mondo intero una versione reinventata di Windows. Su tablet o PC, attraverso funzionalità per la semplice fruizione o per la creazione di contenuti, per il lavoro o l'intrattenimento, Windows 8 propone un'esperienza personalizzata che si adatta perfettamente alle proprie esigenze e al proprio stile". Oltretutto in Windows 8 si trovano già preinstallate alcune appllicazioni, ovvero: Bing, Calendario, Contatti, Finanza, Foto, Fotocamera, Giochi, Internet Explorer, Lettore, Mail, Mappe, Messaggi, Meteo, Musica, Notizie, SkyDrive, Sport, Store, Viaggi e Video. Comunque sia il nuovo Windows 8 sarà distribuito ufficialmente a partire da domani in oltre 140 mercati USA e sarà disponibile in 37 lingue, sostenuto da una campagna pubblicitaria stimata intorno al miliardo di dollari; il che va a dimostrare quanto questa release sia importante per il futuro dell'azienda di Bill Gates. La quale per vincere dovrà mostrare di essere capace di entusiasmare i clienti comuni; poiché, considerando che la maggior parte delle aziende, istituzioni e governi, che per Microsoft sono tradizionalmente un'importante fonte di entrate, non hanno neanche aggiornato il loro software alla versione Windows 7, è difficile immaginare che queste possano adottare la nuova versione prima di qualche anno. Ad ogni modo per tutti gli altri, Windows 8 rappresenta una scommessa interessante, le mattonelle colorate, che rimandano a siti web, contatti, programmi e file, sono originali e facili da usare. Tuttavia al momento le applicazioni disponibili nel Windows Store non sono moltissime, (nfatti mancano ancora quelle relative a Facebook, Instagram, Angry Birds, e non solo), ma a lavoro ci sono circa 400.000 sviluppatori, di cui una sessantina per l'Italia, ed in compenso tutti gli apparecchi che utilizzano Windows RT, (vale a dire la versione per tablet), dovrebbero essere perfettamente compatibili con mouse, tastiere ed altre periferiche. Per di più oltre al nuovo sistema operativo, Steve Ballmer ha parlato anche di Surface, ovvero il tablet prodotto da Microsoft stessa, che ha raccolto commenti molto positivi tra i pochi fortunati che hanno avuto modo di provarlo. Comunque anche quest'ultimo sarà in vendita a partire da domani nei negozi USA, ed il suo prezzo partirà da 499 dollari; mentre per quanto riguarda l'Italia, bisognerà attendere ancora un po'. Inoltre la strategia di alleanze di Microsoft comprende anche Nokia, (difatti gli smartphone Lumia 820 e 920 con sistema operativo Windows Phone 8 arriveranno fra un paio di settimane), ma anche Skype e Yammer, i quali molto probabilmente saranno integrati nelle future versioni di Office. Infine insieme a Windows 8 è stato lanciato anche Windows RT, un nuovo membro della famiglia Windows, progettato per i nuovi tablet basati su tecnologia ARM e che d'ora in avanti sarà direttamente preinstallato su questi nuovi dispositivi.

Di seguito alcuni screenshot di Windows 8:
La schermata "Start".
La barra laterale, (a comparsa).
La modalità "Desktop".



mercoledì 24 ottobre 2012

Scoperta la molecola che potrebbe bloccare per sempre la dipendenza dal fumo.


Si sa, non basta rinunciare per qualche giorno poiché la voglia di accendere di nuovo una sigaretta può tornare anche quando si è quasi sicuri di aver sconfitto il vizio. Infatti questo succede anche a molti ex-tabagisti che spesso riprendono a fumare anche dopo diversi mesi di astinenza. Però adesso in aiuto di chi vuole dire addio in modo definitivo alle sigarette, arrivano i primi dati di una nuova ricerca. Difatti recentemente alcuni ricercatori del Centre for Addiction and Mental Health di Toronto sono riusciti ad individuare un nuovo inibitore che può aiutare i fumatori pentiti a non ricominciare più. In pratica lo studio in questione è stato sperimentato, come spesso accade, sui topi da laboratorio, ed i risultati sono stati pubblicati sul Journal of Experimental Medicine. In sostanza i ricercatori hanno scoperto che chi fuma da tanto tempo è schiavo di un cortocircuito molecolare che "salda" due neurotrasmettitori, ma grazie ad un nuova molecola potrebbe essere possibile spezzare questo circolo vizioso. Tuttavia nei topi addestrati ad autosomministrarsi la nicotina, l'inibitore non ha avuto nessun effetto sulla loro propensione a cercare la sostanza. Ma le cavie "ex-fumatrici", che in precedenza erano stati sottoposti ad un programma di stimolo-risposta-ricompensa che portava verso la nicotina, hanno rifiutato la sostanza dopo l'esposizione a stimoli ambientali in precedenza associati all'assunzione di una dose di nicotina. Al riguardo gli scienziati hanno dichiarato: "Se l'inibitore funziona allo stesso modo anche nell'uomo, si potrà fornire un nuovo potente strumento per ridurre, nelle persone che hanno smesso di fumare, il desiderio e la voglia di ricominciare". Mentre Roberta Pacifici, direttore dell'Osservatorio fumo, Alcol e droga dell'Istituto Superiore di Sanità, ha spiegato: "La novità di questa ricerca è quella di aver studiato principalmente gli aspetti della dipendenza legati agli stimoli ambientali come, ad esempio, la gestualità e tutto quello che rientra nel comportamento psicologico. Si è spostato l'interesse metodologico che prima si concentrava sulla dipendenza dalla sostanza". Infatti, secondo molti esperti, l'aspetto psicologico ha un ruolo importante nella dipendenza da fumo. E dunque non è soltanto la nicotina a creare dipendenza, ma anche tutta la gestualità legata al consumo di sigarette. Oltretutto una recente ricerca dell'associazione I-Think ha rivelato che chi comincia a fumare a 15 anni ha una probabilità di morire di cancro tre volte maggiore rispetto a chi inizia 10 anni più tardi. Tuttavia c'è chi per superare il problema ed abbandonare il vizio, sceglie la famosa sigaretta elettronica, ma, secondo un'altra recente ricerca presentata all'European Respiratory Society, (conosciuto anche con l'acronimo ERS), quest'ultime possono danneggiare bronchi e polmoni. Comunque sia il nuovo studio deve ancora passare alla sperimentazione sull'essere umano, ma se i risultati fossero positivi, il problema del fumo, per coloro che hanno intenzione di smettere una volta per tutte, potrebbe non essere più tale.


martedì 23 ottobre 2012

Anonymous Italia attacca i server della Polizia di Stato, prelevando e pubblicando oltre 3.500 documenti.


Questa notte la divisione italiana della famosa legione Anonymous è tornata all'attacco, prendendo di mira i server della Polizia di Stato e rendendone pubblico il contenuto. In pratica nel materiale prelevato e pubblicato sono presenti: circolari interne, materiale riservato di schedatura di tutti i gruppi antagonisti, di destra e sinistra, che ruotano attorno al movimento No TAV, manuali destinati ai funzionari di polizia, ed anche alcune lettere. Ovviamente, come di consuetudine, gli hacker hanno spiegato le loro motivazioni attraverso un comunicato nel quale si può leggere: «Da settimane ci divertiamo a curiosare nei vostri server, nelle vostre e-mail, i vostri portali, documenti, verbali e molto altro. Siamo in possesso di una notevole mole di materiale: ad esempio, documenti sui sistemi di intercettazioni, tabulati, microspie di ultima generazione, attività sotto copertura; file riguardanti i No TAV ed i dissidenti; varie circolari ma anche numerose e-mail, alcune delle quali dimostrano la vostra disonestà, (ad esempio, una comunicazione in cui vi viene spiegato come appropriarvi dell'arma sequestrata ad un uomo straniero senza incorrere nel reato di ricettazione). Il livello di sicurezza dei sistemi ai quali abbiamo avuto accesso, al contrario di quanto pensassimo, è davvero scadente, e noi ne approfittiamo per prenderci la nostra vendetta». Infatti il movente ideologico dell'operazione sembra essere la richiesta di maggiore trasparenza da parte delle forze dell'ordine; che sono nel mirino degli hacker da diverso tempo soprattutto per il loro comportamento, giudicato "repressivo" nei confronti del movimento No TAV ed per il monitoraggio di vari Social Network e dei profili sulla Rete per ricavare informazioni utili ad inquadrare al meglio i manifestanti dal punto di vista delle opinioni politiche. Inoltre gli Anonymous hanno chiesto l'introduzione del reato di tortura, (la cui assenza ha pesato in modo rilevante sugli esiti dei processi per le violenze del G8 di Genova). Comunque tutti file sottratti sono stati pubblicati sia sul loro blog ufficiale, che su altri siti di leak, come quelli del network Paranoia. In sostanza si tratta di oltre un Gigabyte di materiale, (per la precisione più di 3.500 documenti), suddivisi in vari e propri pacchetti e di cui è disponibile anche un sample, vale a dire un campione contenente una parte del materiale giudicato più interessante dagli hacker della legione. Per di più tra i vari documenti ce n'è uno, datato 29 Febbraio 2012 ed indirizzato alla DIGOS ed alla Questura di Torino, in cui un dirigente della polizia riferisce su un episodio particolarmente delicato nella vicenda delle lotte contro il passaggio della TAV in Val di Susa; ovvero la caduta del manifestante Luca Abbà da un traliccio dove si era arrampicato. In esso si racconta come un altro poliziotto abbia provato ad inseguire l'uomo, per indurlo a desistere, ma senza successo. Tuttavia chi scrive precisa comunque che l'assistente non si trovava più sul traliccio al momento della caduta. Per di più fra i movimenti segnalati e tenuti sotto controllo non ci sono solo centri sociali dichiaratamente anarchici come Euskadi Ta Askatasuna, Murazzi oppure il Gabrio, ma anche organizzazioni come Greenpeace e la Lega Anti Vivisezione. Inoltre nei documenti resi pubblici ci sono anche: lo sfogo dei poliziotti per il problema della gestione dell'ordine pubblico nel campeggio abusivo piemontese di Chiomonte in vista della visita del presidente dell'Interpol a Venezia, (un intenditore di vini, a quanto pare); la richiesta ad un esperto di armi di come classificare e trattare la pistola rinvenuta nel corso di una perquisizione; foto ed e-mail personali; manuali che trattano dal punto di vista pratico e normativo l'azione sotto copertura e l'infiltrazione di agenti provocatori; nomi e numeri telefonici degli appartenenti all'Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Mantova; molto materiale riguardante l'utilizzo di apparecchiature elettroniche, codici di condotta per rispondere a radio ed i telefoni per gli addetti alle sale operative; buste paga e stampati che riportano i dettagli di una "traduzione", vale a dire il trasferimento di un prigioniero da un carcere all'altro. Insomma una quantità di informazioni impressionante, di cui il suddetto campione messo insieme dagli hacker costituisce solo la punta dell'iceberg. Ed, oltretutto, c'è chi ha detto che, dopo un'operazione di questo genere, non potrà non scattare una repressione altrettanto formidabile. Comunque sia in un messaggio pubblicato sulla Rete gli hacker della legione hanno scritto: «Durante la recente protesta degli studenti avete confermato per l'ennesima volta il vostro ruolo di specialisti della mattanza travestita da Democrazia. Quando avete manganellato, strattonato, spaventato e trascinato quei ragazzi, quando li avete calpestati con i vostri anfibi, o li avete impietriti di paura soffocandoli nella morsa del vostro armamentario, avete vilipeso ogni valore democratico. Tutte le volte in cui vi scagliate "in difesa dell'Umanità" contro chi vuole rompere il muro della sottomissione, vi disumanizzate. I vergognosi crimini che avete perpetrato continuano a rimanere impuniti e, paradossalmente, i vostri capi che al G8 ordinavano di svilire i Diritti Umani sono gli stessi che ora si trovano ai vertici e vanno a braccetto con i ceppi del potere». Ed hanno proseguito scrivendo: «Nel materiale sottrattovi è possibile rintracciare molti dei vostri comportamenti deprecabili: a titolo di esempio, in un documento inerente i fatti di Chiomonte stigmatizzate i No TAV per l'ennesima volta, tacciandoli come una schiera di facinorosi costituenti pericolo per l'ordine pubblico; spiate i cittadini sui Social Network per estorcere informazioni utili a legittimare la repressione del dissenso, (è il caso, ad esempio, dell'attivista che avete schedato: "Ideologicamente finora sconosciuto, attraverso il suo profilo postato su Facebook è emerso il suo particolare interesse per i movimenti ed associazioni animaliste/antivivisezioniste[...]"). Si potrebbero citare anche le numerose foto scattate dalla DIGOS ai frequentatori dei centri sociali oppure il documento attestante che la rottura di uno sfollagente si è verificata "durante un intervento della Squadra mobile seguìto dall'arresto del soggetto". I file che abbiamo rilasciato sono eloquenti e tutti possono trarre le proprie considerazioni personali». Inoltre gli hacker hanno proseguito puntualizzando: «Rivendichiamo a gran voce l'introduzione del reato di tortura che prevenga il ripetersi di carneficine già note ed attribuisca una pena a chi, nascosto dietro una divisa, si accanisce sulla dignità umana; la telesorveglianza continua di ogni luogo in cui le Forze dell'ordine svolgono il proprio ruolo, al fine di prevenire abusi e documentarli nel caso si verifichino. Le immagini dovranno essere disponibili pubblicamente ed in tempo reale per facilitare la denuncia di torture e maltrattamenti; l'apposizione di un codice ben visibile sulle divise, al fine di identificare facilmente un agente in tenuta antisommossa; e che le forze dell'ordine, almeno durante il servizio di sorveglianza dei cortei, siano disarmate». Ed, infine, hanno concluso spiegando: «Con la nostra azione vogliamo inoltre mandare un forte messaggio di solidarietà alle famiglie delle vittime. Siamo vicini a chi continua a lottare senza mai arrendersi. Tutti i caduti per mano dei vessatori in divisa sono nostri fratelli e riteniamo necessario commemorare coloro che son stati assassinati due volte: per mano di una divisa, e per mano di uno Stato che insabbia la verità».


lunedì 22 ottobre 2012

Il 7 Novembre anche i Guns N' Roses saranno al cinema.


Questo è un periodo più che positivo per tutti gli amanti del rock e del heavy metal che, nel giro di qualche mese, si sono visti passare davanti la possibilità di vedere la storia della musica sui grandi schermi delle sale cinematografiche. Infatti a Maggio nelle sale c'è stata l'uscita, (anche se solo per un giorno), di George Harrison: Living in The Material World, un documentario rilasciato ad Ottobre 2011, diretto da Martin Scorsese, (storico regista, attore e produttore cinematografico statunitense dalle origini italiane), e dedicato, appunto, alla vita di George Harrison, (uno dei più storici cantautori e chitarristi britannici della storia del cosiddetto "rock psichedelico", che dal 1962 al 1970 fece parte del famoso complesso musicale dei Beatles, per poi fondare un gruppo tutto suo, ovvero i Traveling Wilburys di cui facevano parte anche Bob DylanTom Petty, Jeff Lynne e Roy Orbison). Successivamente, a cavallo tra Settembre ed Ottobre, è stato possibile ammirare Magical Mystery Tour, il film-documentario registrato in completa autonomia dai Beatles nel 1967, di cui di recente è stato scovato un video inedito. Ed ancora più recente, per la precisione lo scorso 17 Ottobre, è stata la volta di Celebration Day, il film girato dai Led Zeppelin per raccontare la reunion del 2007. Mentre, dopo la notizia dell'uscita, nel 2014, di un nuovo film dedicato ai Queen e l'interminabile attesa per l'uscita del nuovo film dei Metallica che racconterà il magnifico concerto tenutosi a Vancouver lo scorso 27 Agosto e che dovrebbe uscire nel 2013, adesso tocca ai Guns N' Roses, (uno dei più famosi gruppi statunitensi della storia dell'hard & heavy, formatosi nel 1985 ed ancora in attività ed attualmente composto dal cantante e pianista nonché fondatore del gruppo Axl Rose; il tastierista Dizzy Reed; il bassista Tommy Stinson; il tastierista Chris Pittman; il chitarrista Richard Fortus; il chitarrista solista Ron Thal; il batterista Frank Ferrer; ed il chitarrista solista DJ Ashba, l'ultimo arrivato in ordine cronologico. E di cui fece parte, fino al 1996, anche Slash, famoso chitarrista del mondo dell'hard rock e del metal). Infatti il prossimo 7 Novembre uscirà il film che racconta il concerto tenutosi lo scorso 31 Maggio presso la O2 Arena di Londra durante la tappa del loro nuovo tour europeo. In quell'occasione la band statunitense ha proposto brani storici, come Sweet Child O' MineWelcome to the Jungle e Paradise City, ma anche brani più recenti tratti dall'album "Chinese Democracy", pubblicato nel 2008. Tuttavia, secondo alcune fonti, il film sui Guns N' Roses verrà proiettato soltanto nelle 24 sale della catena UCI Cinemas che hanno deciso di aderire all'iniziativa; il che non significa che altre sale cinematografiche non possano decidere di proiettare anch'esse il suddetto film.


domenica 21 ottobre 2012

Secondo l'Air Fuel Synthesis, è possibile produrre benzina dall'aria; infatti ne ha già prodotta 5 litri.


A quanto pare una piccola azienda britannica, usando una particolare tecnologia rivoluzionaria, potrebbe risolvere il problema della crisi energetica e dell'inquinamento. Infatti l'Air Fuel Synthesis di Stockton-on-Tees da Agosto ad oggi è riuscita a produrre cinque litri di petrolio utilizzando, incredibile ma vero, anidride carbonica ed idrogeno. In pratica la svolta è stata annunciata da Peter Harrisonl'amministratore delegato dell'azienda, durante una conferenza a Londra. Al riguardo davanti all'Institution of Mechanical Engineers di Londra ha spiegato: "Abbiamo preso l'anidride carbonica dall'aria e l'idrogeno dall'acqua. Poi li abbiamo messi assieme e trasformati in benzina che potrà essere utilizzata per le auto e per gli aeroplani". Difatti, sempre a detta di Peter Harrison, questa benzina potrà essere immagazzinata, trasportata ed usata perfettamente anche nei motori attualmente in uso, pur non contenendo gli additivi che si trovano nei carburanti tradizionali. E dunque la nuova benzina "pulita" può essere usata senza bisogno di nuove e costose infrastrutture. Mentre Tim Fox, che guida il dipartimento dell'energia e dell'Institution of Mechanical Engineers londinese, durante un'intervista dell'Independent ha dichiarato: "Siamo ancora alle fasi iniziali, ma è tutto vero. I principi sono noti, ma la svolta consiste nell'averli messi insieme, dimostrando che si può fare e che funziona". Inoltre Peter Harrison ha proseguito spiegando: "L'odore è lo stesso, ma il nostro prodotto è molto più pulito e chiaro della benzina ottenuta dai combustibili fossili". Oltretutto, secondo l'Air Fuel Synthesis, le potenzialità di questo nuovo carburante sono enormi e potrebbero cambiare per sempre il panorama economico ed ambientale del Paese. Tuttavia in fase iniziale viene usata l'elettricità della rete nazionale, ma, sempre a detta dell'azienda, in futuro si potranno sfruttare altre fonti rinnovabili di energia, a partire dal vento e dalle maree; l'aspettativa dell'azienda è quella di produrre carburante, utilizzando le energie rinnovabili, su larga scala già dalla fine del 2014. In ogni caso al momento l'unico vero ostacolo di questa innovativa tecnica è il costo; infatti il sistema per estrarre l'anidride carbonica dall'aria per creare una tonnellata di benzina costa circa 400 sterline. Ma comunque una volta che i costi si saranno abbattuti, come è sempre successo con il passare del tempo per le nuove tecnologie, la soluzione potrebbe essere a portata di mano.

Di seguito uno schema che spiega, per quanto possibile, il processo di produzione:




sabato 20 ottobre 2012

Nel 2014 uscirà un nuovo film dedicato ai Queen; Sacha Baron Cohen interpreterà il leggendario Freddie Mercury.


A quanto pare si prospettano numerose novità per i Queen, (uno dei più storici gruppi del mondo del rock, formatosi nel lontano 1970 ed ancora in attività, di cui originariamente facevano parte: il cantante e pianista Freddie Mercury, morto il 24 Novembre del 1991 a causa di una broncopolmonite aggravata da complicazioni dovute all'AIDS; il chitarrista Brian May; il batterista Roger Taylor; ed il bassista John Deacon, che però decise di ritirarsi dopo la morte di Freddie Mercury, salvo due rarissime apparizioni dal vivo, ed una in studio, per il completamento dell'album postumo "Made in Heaven"). Infatti di recente tramite un post pubblicato sul sito ufficiale della band il chitarrista Brian May ha annunciato che le riprese del nuovo film biografico incentrato sulla vita di Freddie Mercury, scritto da Peter Morgan, partiranno la prossima primavera ed il progetto dovrebbe essere pronto per la prima metà del 2014. Inoltre di recente è stato confermato che ad interpretare il leggendario leader del gruppo sarà Sacha Baron Cohen, (attore comico britannico, noto soprattutto per i suoi personaggi bizzarri e di grande successo come: Ali G, un aspirante gangsta-rapper inglese; Borat, un giornalista kazako; e Brüno, un giornalista gay austriaco che si occupa di moda). Oltretutto a partire dallo scorso 20 Settembre sono iniziate le proiezioni nelle varie sale cinematografiche di Hungarian Rhapsody: Queen Live In Budapest '86, vale a dire un film-documentario diretto da Jànos Zsombolai che racconta il concerto live che i Queen tennero nella capitale ungherese il 27 Luglio 1986 davanti a 80.000 persone presso il Népstadion. Per di più quella fu la prima volta che la band suonò in un Paese dell'est Europa, cantando il brano locale: Tavaszi Szel Vizet Araszt. In pratica il concerto faceva parte del Magic Tour, ovvero l'ultimo tour a cui partecipò anche Freddie Mercury. In ogni caso per l'occasione la pellicola, che era già uscita in VHS nel 1987 con il titolo Queen Live in Budapest, è stata restaurata e rimasterizzata, (poiché la riproduzione in VHS risultava accelerata, facendo suonare la musica un semitono più in alto), e sta lentamente girando i cinema di tutto il mondo ed il prossimo 5 Novembre sarà distribuito in DVD e Blue-Ray. Comunque per chi fosse interessato, l'intero calendario della proiezioni è visibile sul sito ufficiale della band; le date italiane dovrebbero essere comunicate prossimamente. Un'altra novità è stata la pubblicazione, (dello scorso 4 Settembre), della riedizione di "Barcelona", ovvero lo storico album inciso con la cantante lirica Montserrat Caballé; per l'occasione, il disco è stato riorchestrato dagli 80 musicisti della Philarmonic Orchestra di Praga. Inoltre nell'edizione deluxe, composta da 3 CD ed un DVD, saranno presenti alcuni demo, rarità ed anche la versione strumentale dell'intero album, oltre a vari video. Infine, lo scorso 24 Settembre è uscito anche un documentario presentato in doppio DVD ed intitolato Freddie Mercury: The Great Pretender, incentrato sulla vita e sulla carriera del frontman dei Queen e prodotto da Rhys Thomas; oltretutto all'interno del documentario si possono vedere alcune scene inedite, alcuni suoi video, ed anche filmati e testimonianze di coloro che lo hanno conosciuto nella vita e nel lavoro; in allegato ci sarà anche un libro. Comunque sia in merito al nuovo film il chitarrista Brian May ha scritto: «Tutto sta andando per il verso giusto, anche se al momento siamo un po' in ritardo sulla tabella di marcia. Il film dovrebbe essere pronto per i cinema all'inizio del 2014: abbiamo anche altri piani, che tuttavia per il momento abbiamo accantonatoEssere nei Queen comporta ancora oggi vivere una vita bizzarramente piena di sorprese ed imprevisti, nonostante siano passati quarant'anni dalla fondazione del gruppo e venti dalla scomparsa di Freddie. Ma è vero che Freddie, per molti versi, è ancora più vivo che mai: da qualche parte, lui è ancora lì, con quel suo ghigno sarcastico».

* (Aggiornamento del 09/03/2016): Sacha Baron Cohen ha annunciato di aver abbandonato il progetto a causa di alcuni disaccordi con i Queen su come il film avrebbe dovuto rappresentare gli aspetti più lascivi della vita di Freddie Mercury. Per questo motivo il film resta ancora senza una data di uscita ufficiale.

*(Aggiornamento del 05/11/2016): L'attore Rami Malek, (noto soprattutto per il ruolo di Elliot nella serie Mr. Robot), è stato scelto come sostituto di Sacha Baron Cohen per interpretare Freddie Mercury. Mentre la 20th Century Fox ha fatto sapere di essere al lavoro assieme la New Regency, il produttore Graham King e la GK Films per iniziare le riprese del film in questione all'inizio del prossimo anno.


venerdì 19 ottobre 2012

Twitter censura un account su richiesta di un Governo per la prima volta; si tratta di un gruppo neonazista.


L'annuncio era stato già fatto lo scorso Gennaio, però da quel momento Twitter, (il famoso Social Network dai 140 caratteri), non aveva mai messo in atto la sua nuova politica che gli permette di bloccare la pubblicazione dei contenuti nei singoli Paesiqualora gli venisse richiesto dalle autorità per motivi legali. O almeno così è stato fino a qualche giorno fa; infatti dopo una richiesta da parte del Dipartimento di polizia di Hannover, che ha agito per conto del Ministero degli Interni dello Stato della Bassa Sassonia, in Germania, il popolare servizio di microblogging si è visto costretto a far ricorso alla suddetta politica ed oscurare per la prima volta nella sua breve vita i messaggi di un account agli utenti di una specifica Nazione. In pratica ad essere stato colpito dalla censura del Social Network dai 140 caratteri è stato l'account a cui è stato dato il nome Besseres Hannover, appartenente ad un noto gruppo neonazista tedesco, fondato nel 2008 e che conta una quarantina di membri, perché finito sotto indagine con l'accusa di associazione per delinquere. In sostanza, secondo la stampa tedesca, il collettivo di estrema destra avrebbe distribuito volantini e materiale razzista in varie scuole, ma anche minacciato ed aggredito alcuni immigrati. Tuttavia, secondo il regolamento di Twitter, la censura del suddetto account è limitato alla sola Germania. E di conseguenza per tutti gli utenti Twitter residenti fuori dai confini nazionali è ancora possibile visualizzare il contenuto pubblicato dall'account @hannoverticker. Oltretutto la nuova politica presentata a Gennaio aveva destato grande allarme tra gli utenti ed acceso un grande dibattito tra esperti ed internauti. E comunque l'azienda con sede a San Francisco, prima dell'entrata in vigore di questo strumento, non era in grado di cancellare i tweet a livello Nazionale; poteva soltanto eliminarli del tutto dal suo sito. Al riguardo Alex Macgillivray, il rappresentante legale di Twitter, tramite un tweet ha spiegato: «Non vogliamo negare i contenuti; bene avere gli strumenti per farlo in modo mirato e trasparente». Inoltre il legale ha pubblicato un link che rindirizza alla lettera inviata dalla polizia tedesca con la richiesta di bloccare l'account, nella quale si sottolinea che l'organizzazione in questione, la Besseres Hannover, era stata messa al bando dal Governo tedesco già a fine Settembre.